Web Analytics Made Easy -
StatCounter
FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Elisabetta Canalis: "Aiutiamo gli ospedali sardi, c'è bisogno di tutto" 

La showgirl ha lanciato da Los Angeles una raccolta fondi e invita gli italiani a donare

"La Sardegna ha bisogno di noi! Servono i mezzi per aiutare ospedali e pazienti". E' l’appello lanciato da Elisabetta Canalis da Los Angeles dove vive. Un appello che in pochi giorni ha ottenuto ottimi risultati. Sono stati raccolti infatti quasi 300 mila euro. Ed Eli ringrazia: "Tutti questi soldi che avete e abbiamo donato verrano utilizzati per comprare tutto quello di cui gli ospedali sardi hanno bisogno". E poi invita a continuare a donare. 

 

LEGGI ANCHE >

Coronavirus, italiani all’estero: l’ansia di Balti, Canalis, ClioMakeUp, Satta…

 

"In Sardegna abbiamo avuto tantissimi contagi - spiega la Canalis - da chi ha le seconde case, soprattutto lombardi. La nostra regione non è ricchissima, io ho il racconto diretto di mio fratello che è medico e di una carissima amica che fa l'infermiera. Mancano le mascherine e tante attrezzature... c'è bisogno di tutto... continuate a donare perché c'è tanto, tanto bisogno".

 

La Canalis ha lanciato la raccolta fondi con altri sardi come Melissa Satta, Geppy Cucciari, Filippo Tortu e i giocatori della Dinamo Basket attraverso la Fondazione Banco di Sardegna. In palio per due tra i donatori c'è una videochiamata con uno dei testimonial di questa campagna. "Se davvero volete bene alla Sardegna dimostratelo in questo momento”, conclude Elisabetta.

 

TI POTREBBE INTERESSARE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali