Web Analytics Made Easy -
StatCounter
FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
moneyfarm
Contenuto sponsorizzato

Perché non conviene lasciare troppi soldi sul conto
 

Aumenta la propensione al risparmio degli italiani, ma le somme restano ferme sui conti correnti bancari. Ecco come fare per valorizzare i propri risparmi nel tempo

Gli italiani risparmiano di più (+18 per cento rispetto al 2017, secondo i dati dell’ultima indagine della Banca d’Italia), ma lasciano oltre 1.500 miliardi parcheggiati sui conti correnti. Una scelta poco conveniente per il proprio portafoglio perché la somma immobilizzata non solo non crescerà, considerando i tassi di interesse nulli dei conti correnti, ma è destinata anche a diminuire nel tempo, a causa del costo dell’inflazione

La tassa occulta dell’inflazione      

Secondo i dati diffusi dalla Banca d’Italia, un terzo della ricchezza delle famiglie è ferma sui conti correnti, con costi alti - circa 87 euro in media all’anno secondo le rilevazioni dell’Abi - e con una resa pari a zero. Anzi, chi decide di non investire, tenendo bloccata la liquidità in banca perde anche dei soldi. Tutta colpa dell’inflazione che nel 2018 ha pesato per 10 miliardi sul totale dei depositi, con un costo medio dell’1,1 per cento. Questa voce di costo è spesso poco conosciuta dai risparmiatori, ma anno dopo anno, sgretola il patrimonio netto.

 

Meglio investire per valorizzare i risparmi

I risparmiatori sono alla ricerca del rendimento, in un momento in cui le soluzioni “a basso rischio” sono poco attrattive. Basti pensare che nelle recenti aste di Btp a 5 anni, il rendimento è stato di poco superiore allo 0,40 per cento. Grosso modo lo stesso dei libretti postali. Anche il conto deposito, che in passato ha attirato i risparmiatori, non offre più oggi tassi competitivi. Chi è riuscito a mettere da parte una somma da destinare alla costruzione di un portafoglio di investimento, quindi, è alla ricerca di alternative valide per valorizzare il proprio patrimonio, facendolo crescere nel tempo.

 

Come costruire un portafoglio di investimento

Per centrare l’obiettivo, meglio rivolgersi alla competenza di un consulente indipendente che saprà individuare la giusta propensione al rischio e proporre la soluzione più adatta alle esigenze. Un servizio come quello offerto da Moneyfarm offre 14 portafogli di investimento, separati in 7 livelli di rischio, composti da Etf. Questa scelta, oltre che garantire bassi costi di gestione, permette di far crescere il proprio capitale nel tempo, preservandolo dal costo dell’inflazione.

 

 

Scopri la gestione patrimoniale Moneyfarm, il consulente indipendente più apprezzato in Italia.