Web Analytics Made Easy -
StatCounter
FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

New Mexico, i bimbi segregati in casa-lager erano addestrati per stragi a scuola

Nella baracca sono stati rivenuti anche i resti di un bambino non ancora identificato

Emergono nuovi terribili dettagli dopo il fermo di cinque persone in New Messico dove, in una baracca, sono stati trovati segregati 11 bambini ridotti pelle e ossa. Uno degli aguzzini li stava addestrando a compiere sparatorie nelle scuole. E' quanto emerge dai documenti depositati in tribunale. Secondo gli agenti, "i piccoli vivevano nelle più tristi condizioni di vita e povertà".

Salvati 11 bimbi prigionieri in New Mexico, la casa-lager

Nella baracca sono stati rivenuti anche i resti di un bambino non ancora identificato e che non si esclude possa essere essere il figlio di Wahhaj, sparito da dicembre, quando il padre lo ha prelevato dalla casa della madre in Georgia. Il bambino aveva allora 3 anni e da quel momento di lui non si è saputo più nulla. Secondo il mandato di cattura emesso dalla Georgia, Wahhaj voleva compiere un esorcismo sul bambino.

Wahhaj è una delle cinque persone fermate nella baracca degli orrori in New Mexico, non lontano dal confine con il Colorado. Con lui sono stati fermati un altro uomo e tre donne, presumibilmente le mamme di alcuni dei bambini ritrovati in condizioni disperate: pelle e ossa con indosso stracci, affamati e impauriti. La polizia è intervenuta solo la scorsa settimana nonostante le ripetute segnalazioni dei vicini, da mesi preoccupati per quella baracca.

Nel mirino delle critiche per non aver agito tempestivamente, le autorità si sono difese in più di un'occasione negli ultimi giorni, spiegando che non c'erano i presupposti per un mandato di perquisizione e per visitare la baracca, anche se questa era sotto osservazione da parte dell'Fbi. Gli agenti federali stavano monitorando eventuali tracce del figlio di Wahhaj dopo che la madre aveva esposto denuncia. La svolta è stata un mandato di perquisizione proveniente dalla Georgia dopo che le autorità avevano ricevuto un messaggio disperato da qualcuno nella baracca. Chi lo ha inviato e come abbia fatto non è ancora chiaro, ma almeno gli 11 bimbi sequestrati sono ora al riparo dai loro aguzzini.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali