Web Analytics Made Easy -
StatCounter
FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Francia, pedofilia: condannato il cardinale Philippe Barbarin

Il 68enne, che ha annunciato le sue dimissioni, è stato accusato di mancata denuncia di abusi su minori avvenuti negli anni ʼ70 e ʼ80

Francia, pedofilia: condannato il cardinale Philippe Barbarin

L'arcivescovo e cardinale di Lione Philippe Barbarin, 68 anni, è stato condannato a 6 mesi di prigione con la condizionale per mancata denuncia di abusi sessuali su minori perpetrati da padre Bernard Preynat, negli anni '70 e '80 durante i campi scout. La sentenza è stata pronunciata dal tribunale della città francese. Dopo la sentenza una vittima degli abusi ha affermato che si tratta di "una grande vittoria per la protezione dell'infanzia".

L'arcivescovo, primate della Chiesa francese, ha annunciato che consegnerà le sue dimissioni al Papa. Intanto gli avvocati di Barbarin hanno affermato che presenteranno ricorso: "La motivazione del tribunale non mi convince. Contesteremo dunque questa decisione con tutti i canali legali utili", ha riferito Jean-Félix Luciani.

Il monsignore ha tenuto nascoste le violenze di padre Preynat, il quale non è ancora stato processato. "Non ho mai cercato di nascondere, ancor meno di insabbiare, questi fatti orribili", si era difeso Barbarin davanti alla corte, spiegando di aver appreso delle molestie di Preynat solo nel 2014 con l'ultima denuncia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali