Web Analytics Made Easy -
StatCounter
FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Vita quotidiana: come raddrizzare una giornata storta

Le armi vincenti per non cedere al malumore e fare girare meglio le cose

Piccole strategie contro le giornate no

A volte basta aprire gli occhi e scendere dal letto per capire che abbiamo davanti a noi una di quelle giornate in cui niente va come dovrebbe andare. Gli inconvenienti si moltiplicano: la macchina non parte, il caffè si rovescia e il treno della metro è in ritardo. Che fare? In primo luogo non dobbiamo cedere al nervosismo: a tutto c’è rimedio, basta conservare il sangue freddo e considerare le cose nella giusta prospettiva. Ecco qualche strategia di sopravvivenza. 

Questioni di statistica: qtavolta tocca a noi – Da quanto tempo non avevamo una giornataccia (attenzione, qui la sincerità è d’obbligo)? Se è toccata a noi, vuol dire che, dopo aver pagato pegno quest’oggi, per un po’ dovremmo essere a posto. Affrontiamo i contrattempi uno alla volta senza arrabbiarci, non troppo per lo meno, e ricordiamoci che tutto passerà. Esaminiamo le nostre difficoltà con occhio obiettivo: nella maggior parte dei casi si tratterà di cose di poco conto, che possiamo gestire senza complicazioni. Facciamo una lista di priorità e mettiamoci all’opera. 


Non abbandoniamoci agli stati d’animo negativi – I contrattempi non piacciono a nessuno, ma continuare a rimuginarci sopra è sbagliato: non aiuta a risolvere i problemi e ci affatica ancora di più. Lasciarsi prendere dal nervosismo peggiora la nostra efficienza, abbassa la soglia di attenzione e rende più facile sbagliare, moltiplicando i contrattempi.


La sfortuna è un fatto di testa – Come hanno dimostrato anche alcuni studi scientifici, la buona e la cattiva sorte a volte sono frutto di atteggiamenti mentali che ci rendono attenti alle opportunità che si presentano o che, al contrario, ci impediscono di vederle e di coglierle.  Invece di mugugnare sulla nostra jella, apriamoci alla realtà che ci circonda e osserviamola con curiosità: la soluzione alle nostre difficoltà potrebbe essere a portata di mano. 


Respirare – Sembra banale, ma il primo strumento per mantenere o recuperare la calma sta nel nostro respiro. Impariamo a inspirare utilizzando il diaframma, come si fa nel sonno e come insegna lo yoga: rilassiamo i muscoli, contratti dall’agitazione, chiudiamo gli occhi per un secondo e immaginiamo di allontanare tutte le sensazioni negative espirando in modo sonoro, ossia con un piccolo sbuffo dalle labbra. Chiudiamo gli occhi e contiamo fino a dieci, sempre respirando: ci sentiremo più tranquilli e pronti per ripartire. 


Non prendiamocela con gli altri – Se le cose oggi proprio non vanno, non è colpa di nessuno, tanto meno dei nostri vicini di scrivania al lavoro o di chi vive nella nostra casa. Insomma, lasciamo in pace il nostro prossimo: se proprio non ce la facciamo più, un breve sfogo è concesso, ma dopo aver chiesto di essere ascoltati ed evitando poi battute aspre o scortesie: il fato di avere una giornata non non ci autorizza ad essere aggressivi o sgradevoli. 


Cibo e dintorni – Molte persone, quando sono in stato di agitazione, mangiano in modo compulsivo. Se proprio non possiamo resistere a questo istinto, cerchiamo di scegliere uno snack sano, come una mela o della verdura croccante da sgranocchiare. E se siamo golosi, questo è momento per regalarci un quadretto di cioccolato fondente: oltre a essere il più classico dei comfort food, contiene molte sostanze benefiche che contribuiscono a liberare ormoni del benessere.  


Un premio per noi – Mentre ci dibattiamo tra le difficoltà, regaliamoci un istante di tregua in cui inventare un premio da concederci alla fine di questa giornata disgraziata. Facciamo un progetto per la serata, o ritagliamoci un momento per fare qualcosa che ci piace: il pensiero di avere qualcosa di bello da aspettare renderà meno pesante la giornata. 


Il potere benefico del movimento – Ormai lo sappiamo, ma ripeterlo vale sempre la pena: l’attività fisica migliora l’umore perché libera endorfine e altre molecole amiche del buon umore. Una mezz’ora di sport, soprattutto se si tratta di attività ad alta intensità e all’aria aperta, è un modo quasi magico per scaricare lo stress e per fare comparire spontaneamente nella nostra mente la soluzione ai problemi che ci hanno assillati per l’intera giornata. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali