Web Analytics Made Easy -
StatCounter
FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bari, uccide un pitbull a colpi di pistola: arrestato 59enne

Lʼanimale aveva aggredito il cagnolino dellʼuomo, custode di un deposito a Molfetta. Accusato di detenzione illegale di armi e munizione di guerra, ricettazione e uccisione di animali

Bari, uccide un pitbull a colpi di pistola: arrestato 59enne

E' stato arrestato con l'accusa di detenzione illegale di armi e munizione di guerra, ricettazione e uccisione di animali senza necessità di tutelare la propria incolumità il 59enne di Molfetta (Bari) che ha ucciso un pitbull a colpi di pistola. L'animale aveva poco prima aggredito il suo cagnolino. Ad allertare i carabinieri alcuni vicini che avevano udito gli spari.

Attraverso le telecamere di videosorveglianza del deposito di materiale edile dove l'uomo lavorava come custode, i carabinieri hanno ricostruito l'accaduto. Un pitbull aveva aggredito un cane di piccola taglia e, dopo averlo azzannato, lo trascinava sotto una pensilina, lasciandolo quasi senza vita.

Subito era arrivato il proprietario del cagnolino, il quale, in preda all'ira, con una pistola illegalmente detenuta ha sparato al pitbull a bruciapelo, provocandone la morte. Il 59enne ha infine seppellito il pitbull in un terreno attiguo.

Di fronte alle immagini, il custode ha ammesso le proprie responsabilità facendo ritrovare ai militari la pistola, una calibro 9 con matricola abrasa, con ancora un colpo in canna. Il cagnolino aggredito non sembra in pericolo di vita. Il 59enne è stato condotto nel carcere di Trani.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali