Web Analytics Made Easy -
StatCounter
FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, morì incinta di due gemelle: assolte la ginecologa e l'ostetrica

Le due donne erano accusate di omicidio colposo per il decesso di Claudia Bordoni alla Mangiagalli nel 2016. Un anno fa clinica, marito e genitori della donna avevano raggiunto un accordo economico

Claudia Bordoni morta gravidanza Milano

Erano finite sul banco degli imputati con l'accusa di omicidio colposo dopo la morte, nell'aprile 2016, di Claudia Bordoni, 36 anni, e delle due gemelle che la donna portava in grembo. Ma oggi per la ginecologa e per l'ostetrica della clinica Mangiagalli di Milano è arrivata l'assoluzione, decisa dal giudice Vincenza Papagno della quinta sezione del Tribunale lombardo. 

Accordo economico tra le parti - Per le due donne il pm Maura Ripamonti, titolare dell'inchiesta, aveva chiesto l'assoluzione. Nel marzo 2019 era stato raggiunto un accordo economico tra la clinica, il marito e i genitori della donna, che hanno così revocato la costituzione di parte civile. Anche il Policlinico Mangiagalli, citato come responsabile civile, era così uscito dal processo. Dopo la lettura del dispositivo il difensore delle due imputate, l'avvocato Alessandro Pistochini, ha parlato di "sentenza giusta, corretta ed equilibrata che coglie il senso di questa storia che non meritava un rimprovero penale". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali