Web Analytics Made Easy -
StatCounter
FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Urbi et Orbi, Papa: "Tacciano armi in Siria" "Basta stragi, cessino le atrocità dellʼIsis"

Nel messaggio di Natale, concluso con la tradizionale benedizione, Francesco lancia un nuovo appello per la pace e chiede di accogliere i migranti. Isis libera 25 ostaggi cristiani

Urbi et Orbi, Papa: "Tacciano armi in Siria" "Basta stragi, cessino le atrocità dell'Isis"

"Al Signore domandiamo che l'intesa raggiunta in seno alle Nazioni Unite riesca quanto prima a far tacere il fragore delle armi in Siria e che l'accordo sulla Libia trovi il sostegno di tutti". Lo ha detto Papa Francesco durante la tradizionale benedizione Urbi et Orbi di Natale. "L'attenzione della Comunità internazionale sia unanimemente rivolta a far cessare le atrocità che tuttora mietono numerose vittime", ha aggiunto riferendosi all'Isis.

[s8ǟ~-c|Kڞqm'3nGV "9i{֭$SHf X#gs3,؊[email protected]?=onMG*PKFV''aXsb-*fԝf1YSp"4BS,$3BlA!#ˌT>a~;TX#J) "cc3`;"%P#vH3w\rgD\S0ʖI2ɦ-ILd٥=6dWڃmeMm۝oHBI> Vr3!?l\I%e ~LOGqgs㐼} ," *M~p4NBU/!fdW Px2q0cIu[a8|JA'<uZ2y)lQh˼˪96Nm2y8/rw(|y{ʫ3pZpՂ`1d>O$I[~h4غGcXa$G+NkzUQ^D 6`AUHqk⢀"w0V0ux!#Y4eUГ}*l$(Z3([email protected]OѺ%Np g ` *Cʕ^y TW1@ '!'E?)dREVe(IA~DILCF YI[#gkC*[TNMLu ?_jMVTB'9ԜΟf/ޜhtzL]Lzlz ]9v<Ӱn9'kXOɺFX5pX &cWl6~ Xۊezbgc [yy{3s Τ˴hkhЮ&:ht7hzjgeZ7khWSxνmЮ+LLvv jB;[email protected]ޝl>n]Ev jB;ݠs';! zLu ՄuC#xo\ az Y5uU~`=vذa]MX綍n8Ё`oabgv{51-عv B;`6Xkbk DM^+61=5{(V{]3(Z7{ zLvfn23D7/ zLv>fnWmf6Rt:n{ΠhhhWڙH1Ԣݽ|x߫

"In Siria, in Libia come pure in Iraq, Yemen e nell'Africa subsahariana, tuttora si vivono immani sofferenze e queste atrocità non risparmiano neppure il patrimonio storico e culturale", ha aggiunto il Papa ricordando le recenti "efferate azioni terroristiche".

Israele e Palestina - "In Medio Oriente, dove è nato Gesù, continuano tensioni e violenze e la pace rimane un dono da invocare e da costruire. Possano Israeliani e Palestinesi riprendere un dialogo e giungere a un'intesa che permetta ai due Popoli di convivere in armonia, superando un conflitto che li ha lungamente contrapposti, con gravi ripercussioni sulla Regione", ha detto ancora.

Nel messaggio anche Africa e Ucraina - "Pace e concordia chiediamo per le care popolazioni della Repubblica Democratica del Congo, del Burundi e del Sud Sudan affinché, mediante il dialogo, si rafforzi l'impegno comune per l'edificazione di società civili animate da un sincero spirito di riconciliazione e di comprensione reciproca - ha sottolineato poi il Papa nel messaggio natalizio -. Il Natale porti vera pace anche all'Ucraina, offra sollievo a chi subisce le conseguenze del conflitto e ispiri la volontà di portare a compimento gli accordi presi, per ristabilire la concordia nell'intero Paese".

"Soccorrere e accogliere i migranti" - Papa Francesco è anche tornato a parlare dell'emergenza immigrazione: "Non manchi il nostro conforto a quanti fuggono dalla miseria o dalla guerra, viaggiando in condizioni troppo spesso disumane e non di rado rischiando la vita. Siano ricompensati con abbondanti benedizioni quanti, singoli e Stati, si adoperano con generosità per soccorrere e accogliere i numerosi migranti e rifugiati".

Appello per i disoccupati - Infine un appello a chi governa affinché risolva la piaga della disoccupazione: "In questo giorno di festa, il Signore ridoni speranza a quanti non hanno lavoro, e sono tanti, e sostenga l'impegno di quanti hanno responsabilità pubbliche in campo politico ed economico affinché si adoperino per perseguire il bene comune e a tutelare la dignità di ogni vita umana".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali