Web Analytics Made Easy -
StatCounter
FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio Vannini, azione disciplinare contro il pm titolare dell'inchiesta: "Indagini superficiali"

Lʼazione intrapresa dal Guardasigilli Bonafede: "Danneggiati i parenti della vittima". La casa dove avvenne il delitto non fu sequestrata, non si cercarono tracce di sangue e non furono sentiti tutti i vicini

Nuovo colpo di scena sull'omicidio di Marco Vannini, il giovane ucciso nel 2015 mentre era a casa della fidanzata a Ladispoli, sul litorale romano. Dopo la decisione della Cassazione di un processo bis per tutta la famiglia Ciontoli, Alfonso Bonafede ha avviato un'azione disciplinare contro Alessandra D'Amore, allora pm di Civitavecchia titolare dell'inchiesta. Per il Guardasigilli "indagini superficiali hanno danneggiato i parenti della vittima".

Indagini ritenute superficiali Come riporta Il Messaggero, il ministro della Giustizia valuterebbe superficiali le indagini sulla morte di Vannini tanto da aver arrecato "un ingiusto danno ai genitori del ragazzo". Ad esempio, la villa dei Ciontali, dove si consumò il delitto, non fu mai posta sotto sequestro.

 

Non venne neppure usato il luminol per evidenziare la presenza di eventuali tracce ematiche sulla scena del crimine. Inoltre i carabinieri non sentirono nemmeno tutti i vicini di casa Ciontoli. Il pm D'Amore, intanto, avrebbe già chiesto di essere ascoltato da chi di competenza. 

 

Nuovo processo di appello Per gli ermellini Antonio Ciontoli, padre della fidanzata di Vannini, va giudicato di nuovo perché non si trattò di omicidio colposo, ma bensì "volontario con dolo eventuale". Il nuovo processo di appello riguarderà anche la moglie di Ciontoli, Maria Pizzillo, il figlio Federico e la figlia Martina, responsabili, pur non avendo sparato, perché anche loro, come il capofamiglia, hanno scelto di non chiamare subito l'ambulanza, negando al ragazzo le cure che gli avrebbero salvato la vita.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali