Web Analytics Made Easy -
StatCounter
FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lʼappello agli Stati del Papa: "Gesti concreti per lavoro, terra e tetto"

Francesco ribadisce: "Basta guerre, cancellare il debito, rispettare il diritto dei nascituri alla vita". E aggiunge: "Sono vicino ai precari e alle donne, ancora discriminate"

L'appello agli Stati del Papa: "Gesti concreti per lavoro, terra e tetto"

Papa Francesco si è rivolto ai governi di tutto il mondo perché cessino le politiche di guerra, cancellino il debito dei Paesi poveri e rispettino il diritto alla vita dei nascituri. "In quest'anno giubilare - ha dichiarato il Santo Padre nel Messaggio per la Giornata mondiale della pace - formulo un pressante appello ai responsabili degli Stati perché compiano gesti concreti in favore di chi soffre per la mancanza di lavoro, terra e tetto".

"Pensare a precari, donne e malati" - "La mancanza di lavoro intacca pesantemente il senso di dignità e di speranza, e può essere compensata solo parzialmente dai sussidi, pur necessari, destinati ai disoccupati e alle loro famiglie - ha rimarcato Papa Francesco -. Un'attenzione speciale dovrebbe essere dedicata alle donne, purtroppo ancora discriminate in campo lavorativo, e ad alcune categorie di lavoratori, le cuicondizioni sono precarie o pericolose e le cui retribuzioni non sono adeguate all'importanza della loro missione sociale".

Un appello anche a chi convive con problemi di salute: "Infine vorrei invitare a compiere azioni efficaci per migliorare le condizioni di vita dei malati, garantendo a tutti l'accesso alle cure mediche e ai farmaci indispensabili per la vita, compresa la possibilità di cure domiciliari".

"Basta pena di morte, sì all'amnistia" - Il Papa è anche tornato a parlare di giustizia e pena capitale: "Desidero rinnovare l'appello alle autorità statali per l'abolizione della pena di morte, là dove essa è ancora in vigore, e a considerare la possibilità di una amnistia. In molti casi appare poi urgente adottare misure concrete per migliorare le loro condizioni di vita nelle carceri, accordando un'attenzione speciale a coloro che sono privati della libertà in attesa di giudizio, avendo a mente la finalità rieducativa della sanzione penale e valutando la possibilità di inserire nelle legislazioni nazionali pene alternative alla detenzione carceraria".

"Migranti, ripensare legislazione" - Tra i tanti appelli ai governi, il Pontefice ha anche invitato "a ripensare le legislazioni sulle migrazioni nel senso della accoglienza, rispetto dei reciproci doveri, responsabilità e integrazione". E ha chiesto "un'attenzione speciale alle condizioni di soggiorno dei migranti: la clandestinità rischia di trascinarli verso la criminalità".

Un accenno a scandalo Vatileaks 2 - Nel Messaggio per la Giornata della pace, un accenno, seppur implicito, anche allo scandalo Vatileaks 2: "Gli operatori culturali e i media dovrebbero anche vigilare affinché il modo in cui si ottengono e si diffondono le informazioni sia sempre giuridicamente e moralmente lecito".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali